Vuoi sapere come contestare una multa? Vuoi far annullare un verbale ingiusto? ZTL, lavaggio strade, strisce blu, autovelox ……..ASSOUTENTI ti “guida” nella giungla delle sanzioni da codice della strada

Silvia Rostain

Avv. Silvia Rostain

Se pensi di aver ricevuto una multa errata, ingiusta o incompleta, prima di pagare devi leggere attentamente il verbale: è qui che sono contenuti (quasi) tutti gli elementi necessari alla contestazione della multa ingiusta, ma prima di scorrere insieme il testo per scoprirne gli aspetti salienti, devi tenere a mente due aspetti fondamentali, che vengono prima di ogni cosa!

Se vuoi contestare non pagare! Il pagamento della multa implica quiescenza e si perde il diritto di fare ricorso…

Quando arriva la sanzione da un lato saremmo tentati, infatti, di togliercela davanti pagandola per il solo fastidio di averla ricevuta (ahinoi) ma se resistiamo a questa tentazione dobbiamo anche considerare che i termini per fare ricorso sono limitati e precisi:

Ricorso al Prefetto: entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione della violazione.

Ricorso al Giudice di Pace: entro 30 giorni dalla contestazione o notificazione della violazione.

Conservate perciò la notifica della sanzione e abbiate cura di annotare sul dorso della stessa la data esatta del giorni in cui l’avete ricevuta perché i termini anzidetti decorrono proprio da quel giorno, ma spesso non ci sono timbri postali (nel caso la notifica arrivi per posta) che ce lo ricorderanno, quindi è sempre bene essere parte diligente di noi stessi

Superanti indenni questi primi due scogli, passiamo all’aspetto centrale, la lettura del verbale della sanzione da codice della strada.

Insieme scorriamo il testo base di una multa e poniamoci alcune domande…

1 L’accertatore aveva il potere di elevare la sanzione? 

L’art. 12 del Codice della Strada individua i soggetti abilitati a elevare una sanzione. Nel caso in cui l’accertatore non sia appartenente al corpo di Polizia Municipale o altra forza dell’Ordine Pubblico, come nel caso in cui ad irrogare la sanzione siano i cosiddetti vigilini, devi considerare che spesso tali incaricati di pubblico servizio non hanno potere di elevare alcune sanzioni, ad esempio su Bologna

i dipendenti TPER (Azienda trasporto pubblico con funzioni ispettive) possono accertare solo determinati tipo di violazioni  secondo quanto stabilito dalla Corte Cassazione, sent. 2973 del 16.2.16.

In ogni caso il verbale deve contenere l’indicazione della qualifica dell’accertatore!

 

2 La violazione: dove, come, quando.

Alcuni errori contenuti nei verbali possono legittimare la contestazione del verbale. I vizi più comuni sono:

– errata o omessa indicazione data o ora di quando è avvenuta violazione;

– errata indicazione della targa o non rispondenza targa e veicolo (attenzione andate sempre a visionare le fotografie !!) se tali errori non permettono la corretta identificazione del veicolo o del proprietario

Vuoi sapere come visionare le multe elevate a Bologna?

–         nel caso di multe relative ad ingresso nella ZTL (zona traffico limitato) visita pure questo link.

–         per visionare le altre immagini occorre rivolgersi all’ufficio Relazioni con il Pubblico Polizia Municipale di via E. Ferrari, 42 Bologna.

3 La descrizione della condotta

La mancata esposizione dei fatti o l’errata indicazione dell’articolo della violazione possono essere elementi utili per contestare un verbale qualora la mancanza sia tale da determinare una violazione dei diritti  di chi è stato sanzionato

il cittadino deve poter conoscere adeguatamente quale sia stata la condotta sanzionata

 

4. L’accertamento strumentale della sanzione (Autovelox, Photored, etc.)

Nel verbale devono essere elencate le caratteristiche del dispositivo oltre che le  eventuali autorizzazioni per effettuare gli accertamenti.

Il Codice della Strada, infatti,  (art. 201 commi 1-ter e 1- quater) prevede che:

–         quando non è avvenuta la contestazione immediata, il verbale deve contenere anche l’indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata.

–         non è necessaria la presenza degli organi di polizia stradale qualora l’accertamento avvenga mediante rilievo con dispositivi o apparecchiature che sono stati omologati o approvati per il funzionamento in modo completamente automatico.

–           tali strumenti possono essere installati ed utilizzati fuori dei centri abitati solo sui tratti di strada individuati dai Prefetti, secondo le direttive fornite dal Ministero dell’Interno, sentito il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

La Corte di Cassazione ha affermato che la mancata indicazione nel verbale di contestazione degli estremi dell’autorizzazione del Prefetto all’utilizzo del dispositivo,    integra un vizio di motivazione del provvedimento sanzionatorio, che pregiudica il diritto di difesa (Cass. Civile, Sez. VI, sentenza del 20.12.2016, n. 26441)

 

 

5. Taratura dispositivi

Nel caso di accertamento mediante apparecchi omologati dal Ministero, questi devono essere soggetti a taratura periodica

“Tutte le apparecchiature di misurazione della velocità devono essere periodicamente tarate per verificare il loro corretto funzionamento, che non può essere dimostrato o attestato con altri mezzi, quali le certificazioni di omologazione o di conformità” (sentenza della Corte di Cassazione n. 14543/16 del 15 luglio 2016)

 

6. Sanzioni accessori e punti

Attenzione nel caso in cui il proprietario decida di NON opporsi alla sanzione occorre comunicare al Corpo di Polizia Municipale entro 60 gg dalla notifica del verbale di contestazione i dati personali e della patente del conducente al momento della violazione.

La mancata comunicazione nei termini comporterà un’ulteriore sanzione del pagamento di una somma da Euro 286,00a da Euro 1143,00

 

7. Modalità di pagamento e riduzione del 30% in caso di pagamento entro 5 gg

Attenzione le modalità di pagamento devono essere indicate correttamente.

 

Se avete dubbi, volete assistenza o informazioni, contattateci!

051 0828436 – bologna@assoutenti.emiliaromagna.it

Oppure alla nostra pagina Facebook http://facebook.com/cambiapasso

Credit: foto autoprodotte